giovedì 14 gennaio 2016

REVIEW: Aroma-zone - Shikakai


Nell'ultimo post vi ho parlato di henné e allora perché non mantenere caldo il tema e restare sul pezzo parlando della terza polvere acquistata da Aroma-zone? Stavolta però non si tratta di un'erba tintoria bensì lavante: lo shikakai.

Prima di parlarvene devo però premettere che a me piace moltissimo sperimentare, questo in generale, figuriamoci per quanto riguarda la cosmesi, mi ci butto a pesce nel provare nuovi prodotti o  testare tecniche alternative, quindi capirete bene che anche parlando di capelli io i metodi per lavarsi li ho provati un po' tutti: dalla farina di ceci al co-wash, dallo shampoo fatto con l'uovo a quello con l'argilla. Insomma, diciamo che un pochino di esperienza in merito me la sono fatta e vi aggiungo anche che, tra tutti quelli sopracitati, il metodo che preferisco è quello con l'uovo (se si soprassiede sull'odore...): se ci provate vi assicuro che Raperonzolo vi farà un baffo!



Fonte: www.tumblr.com
Le polveri indiane quindi mancavano all'appello delle cose da me provate ed ero proprio curiosa di metterne alla prova almeno una.
Esattamente come per l'henné la mia indecisione si è fatta lungamente sentire, non ero convinta di quale acquistare, ero partita con l'intenzione di prendere il ghassoul ma ci ho ripensato quasi subito visto che, trattandosi di un'argilla, temevo potesse darmi una reazione allergica (con altri tipi di argille mi è già capitato); quindi è stata la volta dell'amla e questa era pure entrata nel mio carrello virtuale e c'è rimasta un bel po'. Alla fine poiché l'amla è contenuta pure nell'henné che ho acquistato e dato che non avevo voglia di pensare di fare ulteriori impacchi, l'ho rimessa sullo scaffale (sempre virtualmente parlando) ed ho optato per lo shikakai, unica polvere che rispondeva a gran parte delle mie esigenze.

Già, ma quali sono le mie esigenze in fatto di erbe per i capelli, perché ho scelto lui?
Anzitutto come ho detto proprio due righe fa, dovendo già fare impacchi che durano ore per tingermi con l'henné, non avevo davvero voglia di doverne fare altri con polveri come l'amla o suoi simili, a me in particolare interessava proprio qualcosa da alternare allo shampoo per lavare i capelli. Guardando mille recensioni su vari blog, forum e video, ho capito che lo shikakai poteva fare al caso mio dato che è indicato per chi ha i capelli grassi ma non è aggressivo (scusate il gioco di parole) come potrebbe essere il ghassoul. Avevo fatto un pensierino anche su Sidr e Reetha, sempre lavanti, ma sono di nuovo tornata sulla polvere dell'Acacia Concinna (pianta da cui si ricava lo shikakai appunto) in quanto meno disseccante delle altre.
Inoltre sono rimasta stupita nell'apprendere quante, tra le persone che lo hanno provato, si sono ritrovate con capelli rinati: più corposi, lucidi, morbidi e che rimangono puliti più a lungo.

Ve lo dico subito, questa è una recensione che dovrà essere necessariamente aggiornata tra qualche tempo considerato che ve ne sto parlando dopo un solo primo utilizzo, certamente insufficiente a dare un giudizio obiettivo e completo, quindi quelle che seguono sono solo le prime impressioni. Inoltre non conoscendo benissimo l'argomento (anche se mi sono talmente informata che potrei tenere dei corsi!) non sono in grado di darvi spiegazioni dettagliate sulle erbe indiane, mi manca l'esperienza!

PREPARAZIONE



Per preparare la "crema lavante" ho semplicemente mischiato 2-3 cucchiai di polvere di shikakai con sufficiente acqua calda, in modo da ottenere un impasto della consistenza dello yogurt, non ho aggiunto altro, in genere so che viene raccomandato di mixare queste erbe tra loro ma io non avevo altro e soprattutto lo volevo testare nudo e crudo!

APPLICAZIONE


Questo il procedimento che ho adottato io.
Ho abbondantemente bagnato tutti i capelli e poi strizzato bene, passato tutta la crema ottenuta sulla cute, ho massaggiato bene in modo da "spalmarla" ovunque, ed infine lasciato agire per 20 minuti protetta dentro una cuffietta da doccia (che bella immagine romantica...)
Dopodichè ovviamente ho risciacquato ed avendo avvertito un leggero attrito mentre li strizzavo, ho deciso di distribuire anche un po' di balsamo, infine ho sciacquato e sono passata all'asciugatura.

LE MIE IMPRESSIONI

PRO: quello che posso dire senza ombra di dubbio è che, pur non avendo mai provato altre erbe lavanti, ritengo lo shikakai distribuito da Aroma-zone di ottima qualità, ho letto di ragazze che con altre marche si son trovate pezzi di pianta tra i capelli che sono rimasti anche dopo aver risciacquato il tutto. Con questo non mi è capitato niente del genere, la crema si riesce ad ottenere facilmente e risulta perfettamente liscia ed omogenea, si stende benissimo e non cola mentre rimane in posa. Non ho avvertito odori particolari o sgradevoli oltre quello classico che emanano di solito questo tipo di preparati. Il prodotto non sporca e non tinge niente.
Trovo la confezione piuttosto conveniente venendo a costare 3,90 € 250 gr di prodotto che immagino arrivino a durare un bel po'.
Ma ecco quello che più può interessarvi: il risultato sui capelli. Certamente li ho sentiti puliti e non aridi (ma ho messo anche il balsamo) ma.......leggete anche i "contro"!

CONTRO: è lampante che si tratta di un metodo per lavare i capelli un po' laborioso, non adatto a chi non ha pazienza o soprattutto a chi non ha tempo. Non è facile capire se i capelli si stanno realmente lavando, bisogna avere un po' di pratica con questi sistemi (io avevo già esperienza con la farina di ceci ma l'ho abbandonata proprio perché non riuscivo mai a capire quando i capelli erano pronti, infatti non risultavano mai puliti puliti, rimaneva sopra sempre una specie di patina antipatica. Adesso la farina di ceci la uso solo per fare la "cecina"!!!).
Ma ciò che mi ha lasciato un po' troppo perplessa è stata proprio la resa finale: non ho visto tutta la lucentezza di cui si parlava, capelli puliti sì, non come lo shampoo ma accettabili, anche leggeri se vogliamo forse un po' troppo visto che sembravano elettrici! C'è da dire che il tempo iper-umido di questi giorni non ha aiutato ma esteticamente parlando quello che ho visto allo specchio non mi è piaciuto granché, sembravano quasi crespi. Non avendo i capelli né lisci né ricci, se non faccio una piega perfetta ho alcuni capelli che tendono a drizzarsi sulla testa, non so se avete presente questo fantastico effetto, ecco dopo lo shikakai questa cosa è stata piuttosto accentuata!
ATTENZIONE: ultima cosa importante, la polvere di shikakai è estremamente volatile e, se inalata, risulta irritante, vi raccomando quindi di utilizzare una mascherina o una sciarpa ben legata a coprire naso e bocca! Io non l'ho fatto ed ho stupidamente pensato che sarebbe bastato proteggermi con la mano e tenere più lontano possibile la bustina mentre la aprivo e ne versavo il contenuto nella ciotolina...ovviamente questo metodo non è stato sufficiente, infatti ho immediatamente avvertito irritazione alla gola ed agli occhi, con conseguente tosse e lacrimazione.

Questa la polvere uscita da sola dal sacchettino (chiuso!) mentre lo
appoggiavo sul ripiano...
CONCLUSIONI
Insomma, lo consiglio oppure no?!? 
Diciamo che se ne avessi avuto un campioncino per provarlo soltanto una volta, avrei avuto molti dubbi prima di passare all'acquisto, dal momento che ne ho una confezione intera è sicuro che avrò modo di testarlo per bene prima di giudicarlo un flop.
So che l'efficacia di questi "shampoo alternativi" varia moltissimo a seconda del capello quindi una chance, indipendentemente dalle opinioni altrui, secondo me va data. Aggiungo che se non avete enormi pretese di risultato, se non siete tra coloro che riescono ad avere capelli sempre splendidi come appena uscite dalla parrucchiera (ed io non figuro certamente tra questa schiera di fortunate capellone!), se amate i metodi un po' anticonformisti oppure se anche solo ogni tanto volete dedicare alla vostra chioma un trattamento diverso dal solito shampoo commerciale, io vi consiglio di provarci! 
Io non demordo ed entro breve farò una nuova prova, nel caso i risultati ottenuti dovessero essere diversi di quelli qui sopra descritti, state certe che sarete le prime a saperlo!!!